L’altra metà del cielo…

Cosa significa “L’Altra Metà del Cielo” ? La frase deriva da un proverbio cinese “Le Donne sorreggono metà del cielo”, ripreso nel 1968 da Mao Tse Tung per valorizzare il ruolo delle donne nella società come una risorsa  che completerebbe e migliorerebbe l’umanità. Spesso relegate a ruoli secondari, tutte le volte che ne hanno avuto l’occasione, si sono sempre dimostrate alla pari se non superiori alle loro controparti maschili. Dietro la loro pseudo fragilità infatti celano doti come intelligenza, consapevolezza, acume, ruolo primario familiare , responsabilità e risolutezza. Questa piccola sessione è dedicata a loro.

Come omaggio abbiamo pensato a 3 piccoli giochi del 1984 … Perché il 1984?

Il 1984 è l’anno della prima commissione delle pari opportunità , il Parlamento Svizzero elesse la prima donna in Consiglio federale, le olimpiadi di Los Angeles videro la prima donna musulmana vincere un oro olimpico e, per la prima volta nella storia due donne si avventurano sole nello spazio uscendo dalla stazione orbitale Salyut 7.

Da quest’anno così importante per il gentil sesso abbiamo voluto estrarre tre giochi del Commodore 64 che dedichiamo a tutte le amiche del Dump Club 64:

Dream house (1984) CBS
Barbie (1984) Epyx
Aerobics (1984) Spinnaker

Il primo titolo, Dream House, è un gioco sul Design degli Interni. Caratterizzato da una grafica e da un sonoro favolosi, si distingue anche per essere stato altamente innovativo e pionieristico considerando che la figura dell’Interior Designer sarebbe emersa solamente decenni più tardi. Una figura lavorativa in cui spiccano moltissime professioniste al femminile, come Ellie Cullman che ha fondato, a New York City, il suo studio di sole donne con cui lavora a progetti residenziali a Manhattan e dintorni.
Il secondo titolo, Barbie, è il gioco sulla bambola più venduta al mondo commercializzata dalla Mattel. Benché sia stata più volte accusata di rappresentare uno stereotipo femminile diseducativo in realtà quando nacque nel 1959 da un’idea di Ruth Handler, membro della direzione Mattel (e moglie di uno dei fondatori), Barbie doveva incarnare l’immagine di una donna emancipata, indipendente e lavoratrice. Quello che Ruth desiderava dare alle bambine era la possibilità di giocare con una bambola che permettesse loro di immaginarsi da adulte e proiettarsi in storie che non dovevano essere per forza legate al ruolo della donna in ambito famigliare come tutti gli altri giocattoli: bambolotti, pentolini, ferri e assi da stiro, e via così.
Il terzo e ultimo titolo, Aerobics, è un vero è proprio corso di Aerobica. Una disciplina strutturata negli anni settanta da Jackie Sorensen, insegnante di ginnastica, che studiò i movimenti del jogging, li tramutò in passi e salti, e li fece eseguire a tempo di musica dando alla luce la ginnastica aerobica, subito recepita come eccellente e divertente allenamento di tonificazione corporea. Fu Jane Fonda, stella di Hollywood, e donna impegnata politicamente che nei primi anni ’80 portò al grande pubblico questa pratica sportiva, rivoluzionando il mondo del fitness. Le sue videocassette con lezioni di aerobica sono state le più vendute della storia, superando nel 1982 le oltre 200.000 unità.


52 Download


Comments
All comments.
Comments