The power of Lord SID

No, non siamo al cospetto di Darth Vader che dice a Luke “sono tuoooo padreeeeeee”, ma di fronte a un C64 che esclama “Ghooostbusters: ahahahahahahahahah”. Ebbene si, il piccolino di casa Commodore (e devo essere sincero) negli anni successivi al suo “seppellimento”, se mi permettete il termine, ha creato un nuovo mondo di affezionati, che invece di attaccarsi ai giochini, si sono invece emozionati con i suoni, le musiche, di questo meraviglioso chip.

Questo piccolo integrato ha rivoluzionato il mondo sonoro dell’epoca che era fatto di bip e suoni assolutamente incomprensibili, decretando la nascita di veri e proprio composer che creavano colonne sonore meravigliose per i giochi dell’epoca.

Facciamo un pò di storia, e spero non me ne vorrete, ma Wikpedia mi è venuta in aiuto, dato che del Sid avevo una conoscenza diciamo…basica.

Il MOS SID (Sound Device Interface), della omonima MOS Tecnhnology nasce dall’idea di Robert Yannes, che negli anni recenti ha fondato la Ensoniq (una certa compagnia di sintonizzatori digitali). Era il 1981, e insieme a 2 tecnici e un operatore CAD, elaborò il chip in circa 5 mesi. Il primo computer a integrare nella sua progettazione il SID fu (fortunatamente per tutti noi) il Commodore 64, al CES di Las Vegas nel Gennaio ’82.

Il chip, senza entrare troppo nei dettagli, era un giusto mix di componenti digitali (sugli ingressi di controllo) ed analogici (sulle uscite), con 3 canali audio indipendenti e programmabili, 8 ottave e una banda dai 16 ai 4000 hz. Era inoltre fornito di 3 filtri (passa alto, passa basso e passa banda) e aveva 2 convertitori analogico-digitale (per i controller da gioco). Infine aveva la possibilità di avere un input audio esterno. Ebbe diverse revisioni (a causa di difetti di progettazione e di specifiche non rispettate durante la produzione), di cui la prima e unica 6581 che tutti conosciamo, sino alla rev. 8580 R5.

Soprattutto in Europa e Gran Bretagna furono molto i composer che si legarono al SID, e alcuni di loro ancora oggi compongono musiche e remix fantastici sia per il SID che in chiave moderna.

Posso citare Rob Hubbard, Ben Daglish (purtroppo deceduto), Reyn Ouwehand, e questi sono alcuni dei programmatori “sonori” del C64, una vera e propria setta degli anni 80, in grado di tirare fuori da quel benedetto chip cose meravigliose.

Come dicevo, solo alcuni anni fa ho riscoperto queste meravigliose musiche, che mai sono andate via dalla mia mente, e mi sono sempre chiesto come poterle ascoltare, riascoltare, mixare e quant’altro.

Il SidPlay, questo software che uso su Mac (e su macchine Windows-based ce ne saranno ovviamente una marea), è un player di files estrapolati dai videogiochi conosciuti sino ad oggi, categorizzati con anno di produzione, lunghezza, tracce (nei giochi multilivello), ma soprattutto con i nomi dei compositori. Una cosa eccezionale, lo ADORO.

Detto questo, vi lascio un pò di tracce di questi assoluti GENI musicali, che spero vi allieteranno. Io ancora oggi ascolto sul mio lettore mp3 le loro musiche, che anche se obsolete, vecchie e quadrettose, sono tra le più belle che abbia mai ascoltato.

Rob Hubbard: International Karate
Ben Daglish: The last Ninja (level 1)
Matt Gray: Last Ninja 2 (level 1)
Reyn Ouwehand: Last ninja 3 (la più bella intro in un gioco del C64)
Jeroen Tel: Myth (intro)
Martin Galway: Rambo first blood part II (in game sound)
Chris Huelsbeck: Turrican (intro + voce)

Richard Joseph: Defender of the Crown (intro)

Continuando… solo per citarne alcuni dei più belli… Back to Future 2, Bubble Bobble , Batman – The Caped Crusader , Commando , Defender of the Crown , Formula 1 Simulator, Firefly, Grand Prix Circuit, Golden Axe, International Karate, Last Ninja 1 ,2 e 3, Lazy Jones, Myth , Monty on the run, One Man and His Droid, Outrun, Paperboy , Rambo First Blood part 2 , R-Type, Shadowfire, Thanatos, The Great Giana Sisters, The Human Race, Turrican, Warhawk .. ecc…

Potrei citarne tanti tantissimi altri, ma lascio a voi il compito di scoprire tutte le colonne sonore, i compositori dei giochi della vostra infanzia che vi hanno e ci hanno fatto sognare ed emozionare. Io, ancora oggi, ascolto queste musiche con la pelle d’oca. Vi lascio quindi al download dei giochi sopra citati, qualora voleste rigiocarli per riprovare le stesse emozioni.

E non dimenticatevi di iscrivervi al nostro gruppo Facebook… ciao 🙂

https://www.facebook.com/groups/dumpclub64/?ref=bookmarks


50 Download
Comments
All comments.
Comments